BIO

 

Chi sono? Una maniaca della moda (e non solo) che ha fatto la stessa trafila di Andrea nel film Il Diavolo veste Prada.

Ho cominciato portando i cappuccini sui set fotografici e la famosa frase: “Non hai il minimo senso dell’eleganza. No, non era una domanda” è toccata anche a me. Perché ero una giovane incosciente venuta dalla provincia del Sud Italia con tante belle speranze e nessuna consapevolezza.

Ma compravo Vogue Italia dall’età di 13 anni e in più quello di Anna Wintour e così ho le librerie strapiene e persino la casa, anche di scarpe e sciarpe (leggi foulard, che va bene lo stesso).

E della passione ne ho fatto un lavoro.

Anche se sono sull’Atlante di Comunicazione Italiana, sogno di trasferirmi al mare per sempre a leggere Proust in spiaggia.