Pitti 93 Gennaio 2018

 

Pitti 93 Gennaio 2018 cover

 

In questa edizione Pitti Immagine si ispira al mondo del Cinema, Pitti 93 ha quindi come titolo Pitti Live Movie.

E questo il mio Calendario personale.

 

 

Lunedì

il pre Pitti 93.

Che normalmente significa ritiro pass, riordino accrediti e lo studio approfondito dell’outift per la Festa di Luisa Via Roma.
Ma sorpresa, quest’anno non c’è.

Voci di corridoio dicono che la farà a Milano. E chissà come mai.

Poi la mostra di Capucci Dionisiaco, ovvero inediti disegni di Roberto Capucci per il teatro.

E Giusi Ferrè intervista l’imprenditore Alessandro Bastagli che racconta il suo percorso da Versace a Shanghai Tang (il suo nuovo brand)e del futuro del fashion che è sempre più proiettato verso l’Oriente sia come ispirazione che come vendite.

Martedì ore 9.00

Sipario di apertura.

E come da copione, perché tutti gli anni è la stessa storia,  problemi di WiFi. All’interno della Fortezza internet non ha mai funzionato. E quest’anno anche di viabilità, visto i numerosi cantieri aperti sulle strade di Firenze.

Per il Pitti 93 pare che le proposte della moda maschile siano accessori chic per un uomo molto maschile ma raffinato, ad altri più casual o rock.
Ma forse le tendenze sono sempre le medesime in tutte le edizioni?

Poi le sfilate che propongono un trasgender, sempre più asiatictrasgender, molto dark – rock o guccistyle.

Verso mezzogiorno arrivano gli immancabili pavoni del muretto, i soliti nel mood dandy, ma divertenti, pittoreschi e sempre in posa per essere immortalati dal fotografo giapponese di turno.

Arrivo anche dei primi vip come l’influncer Mariano di Vaio da La Martina e la giornalista Myrta Merlino da CNA Federmoda per presentare Stili Ribelli.

L’artista Felice Limosani veste il David di Michelangelo con i tessuti del Lanificio Luigi Ricceri. Uno spettacolo  molto suggestivo che ha indignato più di qualche critico d’arte.

Ma l’evento più atteso per il Pitti 93 è stato il Gucci Garden.

Un’osteria con i piatti dello chef Bottura da gustare nel moood Gucci by Alessandro Michele, molto gentile e disponibile da vero padrone di casa.

 

Mercoledì

Oggi la Fortezza è stracolma. E panico della folla per Luca Onestini Raffaello Tonon, ma il vero delirio è stato per Cecilia Rodríguez e Ignazio Moser.

 

Giovedì

Inizia con una Colazione chicchissima da Pineider.

Ma la pioggia che ha bagnato tutta questa edizione, ha penalizzato molti show all’aperto e forse favorito i lavori all’interno degli stand.

Poi, Robert Cavalli presenta alla Galleria Romanelli la sua prima collezione Triple RRR, con la benedizione della mamma Eva e papà Roberto.

 

 

Venerdì 

Pitti 93 è quasi finito, i più sono già in viaggio verso Milano e a Firenze è uscito il sole.

Di Gianni Cesari

Pitti 93 Gennaio 2018 gruppo

 

Pitti 93 Gennaio 2018 Lagerfeld

 

Pitti 93 Gennaio 2018

 

photo gentilmente concesse da  Carlo Campi

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *